chiudi

Come scegliere il Software Gestionale adatto a te


Venerdì, 04 dicembre 2020
PrintFriendlyLinkedInTwitterEmailFacebook

Devi scegliere un software gestionale o stai pensando di cambiarlo? Ti stai chiedendo “come faccio a sapere cosa fa al caso mio”?

Con questo articolo vorremmo supportarti, ponendo l’attenzione sulle cose che realmente contano nella scelta della soluzione che fa per te.

In questi casi non si tratta di scegliere un prodotto perché altri lo usano o perché costa poco. È fondamentale scegliere il prodotto che meglio si adatta alle tue esigenze attuali e future.

 

Completezza e Flessibilità

Riteniamo che l’equazione, spesso utilizzata, “azienda piccola = esigenze semplici” non sia del tutto vera. Al contrario, il dinamismo delle piccole imprese e la limitata disponibilità di risorse impongono a queste ultime di lavorare con strumenti molto flessibili. Quindi non esistono paradigmi universali.

La prima cosa da fare quando ci si accinge a scegliere un software gestionale è infatti un’analisi delle proprie esigenze, della struttura organizzativa aziendale e dei processi. Fondamentale per avere le basi su cui fondare la propria scelta.

È opportuno scegliere sempre una soluzione flessibile e modulare che tenga conto anche degli sviluppi futuri, che cresca insieme alla azienda, e che, senza troppi sforzi, si adatti alle tue esigenze.

Il tuo gestionale deve poi essere uno strumento completo, che integri tutte le funzioni aziendali, ottimizzando tutte le risorse esterne (i tuoi clienti) e interne (i tuoi dipendenti), ma anche la gestione delle tue strutture e della logistica.

In Wakiwi l’analisi è sempre il punto di partenza e non ci fermiamo alla situazione attuale, indaghiamo anche tutti i possibili sviluppi. Perché quello che viene progettato oggi sia utile e pronto per il domani.

Mirto, il nostro gestionale, è nato per comprendere tutte le principali funzioni aziendali. L’abbiamo creato e testato partendo dalla nostra stessa azienda prima di proporlo ai nostri clienti ed è stato strutturato con un approccio modulare e con la possibilità di personalizzazioni.

 

Mobilità e integrazione

Oggi, con i nuovi modelli di lavoro, è indispensabile avere la garanzia di poter lavorare in modalità mobile e multi-device. Ogni utente deve potersi collegare da qualsiasi parte del mondo con il suo PC o dal suo smartphone e avere accesso a tutte le informazioni e risorse che gli occorrono.

L’integrazione con i sistemi attualmente in uso in azienda è poi un altro parametro da valutare con molta attenzione. Il gestionale diventa infatti uno strumento prezioso solo se è integrabile con gli strumenti di uso comune come Office 365 o altri applicativi come il CRM.

Mirto nasce con questa impostazione e, se integrato con le nostre soluzioni Cloud, ti garantisce maggiore sicurezza, continuità nel tuo lavoro, accesso costante a tutte le informazioni ed efficienza economica, riducendo in modo importante alcune voci di costo del tuo bilancio.

 

Scegliere il partner giusto

Questo è forse il punto più importante e non è sempre vero che i nomi più noti siano sempre la scelta adatta alla tua realtà.

Il partner giusto deve dimostrare competenza, ma non solo.
La caratteristica più importante quando ci si affida a un consulente è la sua capacità di saper ascoltare. La sua predisposizione a porsi sinceramente al tuo fianco per perseguire i tuoi obbiettivi, come un unico team.

Il partner giusto deve avere un modello di lavoro flessibile che sappia prendere in considerazioni tutte le possibili evoluzioni e che ti segua in ogni fase del processo. Questo perché i progetti nascono con una specifica visione, ma spesso subentrano nuove esigenze. Saperle considerare e valorizzare può fare la differenza.

In Wakiwi facciamo nostri gli obbiettivi dei nostri clienti, lavoriamo utilizzando il modello circolare che ci permette di essere flessibili rispetto all’andamento del progetto e di considerare in corsa nuove esigenze e opportunità. Siamo una struttura flessibile e dinamica e non seguiamo un modello standard perché crediamo che ogni cliente sia un’entità a sé e come tale deve essere considerato e seguito.


Articoli recenti

Categories

Archivio